dariofrancheschini.it
 
I mestieri immateriali di Sebastiano Delgado di Dario Franceschini - In libreria dal 13 novembre Daccapo di Dario Franceschini - In libreria dal 18 Novembre In 10 Parole di Dario Franceschini - In libreria dal 18 Novembre Dans les veines ce fleuve d'argent La follia improvvisa di Ignazio Rando Nelle vene quell'acqua d'argento

Lotta all'evasione fiscale: finalmente la svolta, solo così tutti pagheranno meno

08 Gennaio 2012

Intervista a Il Messaggero del 08.01.2011

di MARIO AJELLO

Onorevole Franceschini, le parole di Monti sugli evasori che effetto le fanno?

«Mi piacciono moltissimo. La lotta all’evasione fiscale è da tempo una nostra battaglia e ora siamo finalmente a una svolta».

Si comincia a fare sul serio?

«Ci sono due aspetti da considerare. Quello tecnico degli strumenti efficaci per battere l’evasione; e poi il discorso etico-culturale. L’evasione è sempre un reato, ma in tempi di crisi questo reato diventa anche delitto morale contro la comunità in cui vivi. Le parole di Monti sono anche un messaggio valoriale. C’è chi evade il fisco, mentre il vicino di casa non arriva alla fine del mese perchè guadagna poco o non ha lavoro. Questa doppia situazione, stridente e drammatica, fa ancora più impressione in momenti di crisi economica».

Ma destra e sinistra continuano a dividersi pure sulle tasse.

«Questo è assurdo. La lotta all’evasione dovrebbe essere un tema unificante e qui purtroppo non riesce ad esserlo. Sono rimasto stupefatto dalle reazioni aggressive, da parte di esponenti del Pdl, alle vicende di Cortina. Ho trovato quei controlli intelligenti, anche nelle modalità. Gli effetti non sono limitati soltanto alla località presa in considerazione. Hanno scosso in generale l’opinione pubblica italiana, abituata purtroppo a considerare l’evasione un pezzo inevitabile della vita del Paese. Ringrazio Befera per quello che sta facendo e Monti che sta dando copertura politica a questa azione».

Non sono troppo alte le tasse in Italia?

«Questo è il problema. Si possono abbassare se le pagano tutti. Così sono troppo alte e pagate sempre dagli stessi: sostanzialmente, lavoratori dipendenti e pensionati».

Sbaglia chi parla di battaglia ideologica a proposito di ciò che sta accadendo?

«E’ una battaglia di civiltà. C’è la fase di individuazione e di repressione degli evasori, ma poi c’è un’altra parte forse ancora più importante e sulla quale si può fare ancora di più. Mi riferisco alla prevenzione».

Come andrebbe fatta secondo lei?

«Il Pd ha insistito perchè nella manovra venisse inserita una norma che indicasse una soglia più bassa di tracciabilità per i pagamenti. La norma approvata prevede che sopra i mille euro non si possa più pagare in contanti. Noi avevamo voluto che quella soglia fosse di duecento o di trecento euro. Non è stato così, ma ciò che si è fatto è comunque un primo passo».

Il troppo contante che circola è l’anomalia italiana da cancellare?

«Ma certo. L’Italia è il Paese con la più alta circolazione di banconote e il contante è la condizione per creare il nero, e quindi l’evasione e la corruzione, e perfino per creare ancora le rapine di banconote come nel far west».

Il bancomat batterà l’evasione?

«Il pagamento elettronico oggi è accessibile a tutti, con bancomat o carta di credito. Sarebbe uno strumento formidabile l’obbligo di queste modalità di pagamento, per far sparire il contante e quindi il nero e l’evasione. E contemporaneamente, sarebbe anche un modo per modernizzare l’Italia e portarla da questo punto di vista al pari delle altre nazioni europee».

Stavolta è la volta buona nella lotta agli evasori?

«Ci sono condizioni che in passato non c’erano. L’opinione pubblica è talmente impaurita dalla crisi che forse, adesso più che in altri momenti, sta diventando particolarmente sensibile alla giustizia fiscale. Non siamo più al mors tua vita mea, all’individualismo, al tutti contro tutti. Gli italiani, nelle fasi di difficoltà, hanno sempre dimostrato di saper diventare più virtuosi e di saper riscoprire il senso di comunità. Questa crisi può portare alla consapevolezza che soltanto rispettando tutti le regole si può salvare l’Italia».

 

Leggi in pdf

Leggi in pdf gli articoli de Il Messaggero sul tema

Gli ultimi commenti

@ Silvia

lasciato da Carmen il 30 Gennaio 2012 alle ore 13:08
@silvia Ma che cavolo vai dicendo? Possibile che basti un po' di propaganda in stile nazistoide per mettervi contro categorie intere di persone, che da un giorno all'altro per voi diventano il baobab? Stiamo parlando di servizi pubblici che vanno regolamentati in base alle esigenze. Non tutto si può affidare all'anarchia di mercato. Tu pensi che sia un buon consiglio quello di dire a un giovane di mettersi a fare il tassista assieme ad altri 200.000 tutti convinti che c'è si fruirà della moltiplicazione dei pani e dei pesci? Oltretutto vi viene detto che questo farà abbassare le tariffe. E gia! Le favole vi racontano.

Non solo lotta all'evasione fiscale però...

lasciato da silvia il 14 Gennaio 2012 alle ore 16:58
Condivido l'intervista, la lotta all'evasione fiscale è una della condizioni essenziali per poter abbassare il carico fiscale di lavoratori dipendenti e pensionati... Però vorrei che il PD appoggiasse il governo Monti anche nelle liberalizzazioni...e che lo appoggiasse senza "se" e senza "ma"...Ieri ero a Bologna, è stata un'impresa trovare un taxi...ma ero pronta ad andare anche a piedi alla stazione perchè non se ne può più di queste categorie prepotenti che pretendono di dettare loro tutte le regole del gioco! E questo vale anche per farmacisti, petrolieri, avvocati, notai, ecc. ecc. Tutte caste di privilegiati nel Paese dei gattopardi e dei loro degni epigoni. E se uno ha rischiato a comprare una licenza di taxista ed ora la sua licanza vale poco più di carta straccia...pazienza! Anch'io avevo un lavoro a tempo determinato, ho rischiato per uno più sicuro... e dopo pochi mesi - causa crisi - mi sono ritrovata a spasso. I rischi si prendono e se le cose vanno male... si paga!

il bancomat batterà l'evasione

lasciato da girolamo.silvari@libero.it il 11 Gennaio 2012 alle ore 19:28
oggi sono stato all'ACI per pagare i bolli delle macchine della mia famiglia e dei miei figli. Il totale era 900 euro. Volevo versare a mezzo Bancomat ma la signorina mi ha avvertito che oltre le tasse e i normali diritti, avrei dovuto pagare 80 centesimi per ogni 100 euro , cioè se avessi pagato con Bancomat pagavo euro 7,20 in più.Sono andato in Banca ed a mio rischio ho prelevato e trasportato 1000 euro, le pare giusto? A questo punto le chiedo il Bancomat batterà l'evasione o ingrasserà le Banche?

Lascia il tuo commento




1000 caratteri max n.


Codice sicurezza
Ricarica il codice se non è leggibile